Scuola Materna & Asilo Nido

Scuola Materna & Asilo Nido

Dove Siamo

“Una Scuola paritaria per le famiglie”

Il gestore e legale rappresentante è l'Arciprete pro tempore Mons. Vittorio prof. Santandrea. Dal 2015 è coadiuvato da una task force di tre parrocchiani, già membri del Consiglio degli Affari Economici della Parrocchia: Calderoni Imerio, Melandri Tiziano e Michele Zama.

Iscrizioni

Scuola Materna

Le iscrizioni alla Scuola dell’Infanzia, come stabilito dal Ministero, devono essere effettuate entro il mese di febbraio. 

Al momento della iscrizione la Coordinatrice Isabella Calderoni dà ad ogni genitore copia del Regolamento interno della Scuola e la Informativa circa il trattamento dei dati personali.

All’atto della iscrizione va versata la quota di € 90,00

Il pagamento della retta e dei pasti vanno versati mensilmente come da indicazioni concordate nell’Assemblea.

 La quota mensile è di € 115,00. La quota del pasto e merende è di € 5,50.

E’ prevista un’agevolazione del 20% per fratelli e, nella quota, è tutto compreso.
La quota applicata è ancora al di sotto delle indicazioni date dalla FISM, del servizio reso, ma è un servizio che la PARROCCHIA ci tiene a offrire alle famiglie, pur con tutte le difficoltà burocratiche e di gestione che comporta. Ringraziamo quanti già, in qualche modo, aiutano la Scuola sia con la propria mano d’opera liberale in alcune occasioni, sia con offerte da parte di chi più ha per fare una spesa o per dare un aiuto a chi è in difficoltà.

Asilo Nido

Le iscrizioni si aprono nel mese di Gennaio. E’ necessario fare riferimento alla Coordinatrice Miranda Spada concordando per via telefonica un appuntamento.

Quota di partecipazione: Iscrizione annuale € 90; Mensile fisso € 185; Quota giornaliera € 5,50. Sconto fratelli. Nella quota è tutto compreso anche i pannolini.

 Il Nido d’Infanzia segue il calendario scolastico. 

Chiedere alla Coordinatrice su: il Calendario, l’Alimentazione, l’Abbigliamento, le Assenze.

Educatrici: Miranda Spada, Timoncini Cristina, Santandrea Roberta e Renzini Sara

La Scuola

Fu istituita a metà degli anni cinquanta dall'arciprete Don Valentino Donati, grazie alla presenza delle Suore Ghidieri di Faenza, per rispondere alle necessità delle famiglie della Frazione e dei dintorni. Oggi è una Scuola dell'Infanzia "paritaria", legalmente riconosciuta dal Ministero della Pubblica Istruzione. La Scuola è federata alla FISM ed è ritenuta di buon livello per la qualità del servizio offerto, per i suoi spazi e per l'ambiente in cui sorge.

Personale

Oggi tutto il personale è laico ed è composto da 4 insegnanti laureate in Scienze dell’Educazione, da una persona Ausiliaria/Dada e da una Cuoca. All’interno della struttura è infatti operativa una Cucina a norma di legge con produzione completa dei pasti e delle merende, secondo il sistema di autocontrollo Haccp DL 155797.
Altra figura professionale è la professoressa Marina Valli per l’educazione musicale. 

Offerta formativa

La Scuola dell’Infanzia Parrocchiale Paritaria “Don Bosco” di Pieve Cesato è una Scuola a tutti gli effetti.
Luogo di formazione integrale ed armonica dei bambini, si ispira a una visione cristiana della vita, secondo i valori del Vangelo e del metodo preventivo di Don Bosco, mettendo al centro la persona umana nella consapevolezza che il valore di un uomo consiste nella realizzazione della sua specifica personalità.
La Scuola trova nella realtà della vita della Parrocchia di Pieve Cesato un punto di riferimento al di là delle individuali fedi o ideologie.

All’inizio di ogni anno scolastico, in occasione della Assemblea dei Genitori, il Gestore e le Insegnanti presentano e illustrano il Progetto Formativo/Educativo/Didattico.

La Scuola dell’Infanzia di Pieve Cesato segue il calendario della Scuola statale. Accoglie i bambini dalle ore 8 fino alle ore 16,30, dal lunedì al venerdì. Attualmente la Scuola dell’Infanzia di Pieve Cesato è formata da 2 Sezioni con bambini dai 3 ai 6 anni.

Metodo educativo

La Scuola dell’Infanzia Parrocchiale Paritaria “Don Bosco” di Pieve Cesato si propone di:

Educare
mediante una pedagogia attiva per far acquisire ai bambini fiducia in sé stessi e sviluppare iniziativa personale e comunitaria. La Scuola condivide il progetto educativo con la famiglia, instaurando un dialogo costante ed aperto, nell’ottica di una corresponsabilità educativa.

Attuare
un programma di educazione ai grandi valori della vita cominciando dal rispetto verso le persone e le cose. La Scuola promuove così la personalità del bambino guidandolo all’autonomia e rispettando le sue attitudini.

Dedicare
ad ogni singolo bambino una attenzione particolare nel rispetto del suo ritmo di apprendimento e favorendo lo sviluppo della sua personalità. La Scuola educa alla collaborazione e al rispetto dell’altro nelle relazioni con i bambini e con gli adulti.

Struttura

La Scuola dispone ora più che mai di ambienti e spazi interni ed esterni a norma con le disposizioni di legge e con la gestione delle emergenze.

  • L’ingresso è costituito da un corridoio con accesso alla Scuola Materna e al Nido d’Infanzia. Qui si trovano anche le bacheche per le comunicazioni alle famiglie dei piccoli.
  • Poco oltre al corridoio vi è la zona degli armadietti, tutti nuovi, dove ogni bambino depone le sue cose e si prepara per l’ingresso nella Scuola vera e propria.
  • Lo spazio accoglienza è particolarmente capiente con la possibilità di usufruire subito del materiale per la socializzazione e per poi accedere alle aule.
  • Due sono le aule, sono spazi polifunzionali che consentono attività varie: grafico/pittoriche, di gioco, di manipolazione, di ascolto, di conversazione, …
  • Di fronte alle aule vi sono i Servizi igienici e i lavandini per i bambini: completamente rifatti nell’agosto del 2012.
  • L’ambiente del refettorio è molto ampio Qui vi sono i tavolini e le sedie nello spazio assegnato alla Scuola Materna. Uno spazio particolare è riservato e attrezzato per il pranzo dei bambini del Nido.
  • La cucina è attigua al refettorio e i pasti arrivano direttamente appena preparati. 
  • Al primo piano della Scuola vi è l’archivio dei lavori eseguiti , il compiuter collegato anche via internet www.infanziacesato@tiscali.it , armadi per il materiale didattico, gli spogliatoi delle insegnanti.
  • All’esterno della Scuola vi è un ampio parco verde, ombreggiato e recintato. Qui i bambini hanno la possibilità di movimentazione libera e guidata. Vi è la zona circolare detta “dell’ agorà” dove i bambini ascoltano la lettura delle fiabe ed eseguono i canti accompagnati dalla chitarra della maestra Rosa Ricci.
  • Abbiamo dotato lo spazio esterno anche di una sabbiera che, dopo l’uso, viene accuratamente coperta per evitare l’accumolo di foglie o il passaggio di animali.
  • All’nterno del parco sono state eseguite due sculture in legno. Il Crocefisso opera dell’artista Casadio Giovanni di Pieve Cesato. La Madonna coi bambini opera dell’artista Peroni Tommasino di Pieve Cesato.

Risorse Finanziarie

La Scuola si sostiene:

  • con la partecipazione delle famiglie dei bambini versando la retta mensile;
  • con i contributi di Enti pubblici: Stato, Regione, Provincia (assai modesti e in forte ritardo nella consegna) e con la convenzione del Comune di Faenza.
  • con iniziative varie di volontari, genitori e parrocchiani, che hanno a cuore la scuola,
  • con offerte liberali;
  • con interventi dell’Ente gestore: la Parrocchia.

La Scuola ogni anno redige un bilancio, che viene presentato anche all’Ente pubblico, dove indica le voci di entrata e di spesa:

  • per l’acquisto dei generi alimentari.
  • per il personale (stipendi, contributi, tfr).
  • per le utenze (acqua, enel, riscaldamento, rifiuti, telefono)
  • per l’acquisto di materiale didattico e di facile consumo.
  • per la formazione del personale docente e non docente.
  • per i progetti educativi/didattici.
  • per convenzioni e/o accordi di rete.
  • per la manutenzione ordinaria e acquisto arredi.
  • per i consulenti esterni (buste paga, contratti, denuncia redditi, fatture…)
  • per la stipula di una Assicurazione con “La Cattolica”,
  • per ogni altra spesa necessaria al buon funzionamento della Scuola stessa.